Italia Casa (Liv. 1)
Enel (Livello 1)
Condominio Italia Expo (livello 1)

Leggi e sentenze

Se dal conto corrente condominiale viene emesso un assegno scoperto

Il cosiddetto danno in re ipsa alla reputazione, costituente «danno conseguenza», deve essere allegato e provato da chi ne domanda il risarcimento. È questo il principio di diritto richiamato, con l’ordinanza 11555/2019, dalla Corte di Cassazione... Leggi tutto

Il “torrino” della gabbia scale è un bene condominiale

La Cassazione ha confermato la condanna a carico di Wind a rimuovere l’impianto di telecomunicazioni che vi aveva installato in forza di un accordo siglato con il costruttore (che si era riservato la proprietà del lastrico solare), senza l’assenso dei condòmini... Leggi tutto

Un vano condominiale conteso tra l’Enel e i condòmini

Un vano condominiale conteso tra Enel che ne aveva il diritto d’uso in forza di una convenzione stipulata diversi decenni prima con il costruttore dell’immobile, e i condòmini, che ne richiedono la restituzione. L'estratto dell'ordinanza della Cassazione... Leggi tutto

Querela “rimessa”: l’appropriazione indebita dell’amministratore si estingue

Il caso di una amministratrice di condominio, condannata per appropriazione indebita, ma che si è vista annullare la sentenza di colpevolezza nel momento in cui il condominio, in persona del nuovo amministratore, ha rimesso la querela a suo carico.... Leggi tutto

Giurisprudenza in condominio: le sentenze della Corte di Cassazione

Compenso aggiuntivo dell'amministratore , uso della cosa comune e diritti del singolo, tubature del gas sul muro comune, immissioni oltre la normale tollerabilità, intercapedine tra suolo e superficie del piano terra. Ecco alcune massime della Cassazione... Leggi tutto

Cani in condominio: il latrato non è reato se disturba solo un vicino

Perché il latrato di un cane in condominio sia configurabile come reato, occorre che le emissioni sonore siano tali da travalicare i limiti della normale tollerabilità, recando pregiudizio alla tranquillità pubblica, e disturbando un numero indeterminato di persone... Leggi tutto

Morosità: per evitare lo sfratto, l’inquilino deve saldare fino all’ultimo debito

Se il conduttore moroso non sana completamente il suo debito, versando anche gli interessi e le spese processuali in sede di concessione del termine di grazia, alla successiva udienza il giudice è tenuto ad emettere la convalida senza necessità di verifica... Leggi tutto

Condominio: il decreto ingiuntivo va revocato se la delibera è invalida

In caso di opposizione a decreto ingiuntivo emesso dal condominio nei confronti del condomino presunto moroso, il giudice deve accogliere l’opposizione di quest’ultimo solo qualora la delibera condominiale abbia perduto la sua efficacia. Così la Cassazione... Leggi tutto

Sopraelevazione: il decoro conta anche se il lastrico solare è privato

Anche qualora il lastrico solare sia di proprietà esclusiva, la sopraelevazione non è ammessa, non solo se le condizioni statiche dell'edificio non la permettono, ma anche se risulti lesiva dell'aspetto architettonico dell'edificio. L'estratto dell'ordinanza della Cassazione... Leggi tutto

Locazione: il recesso del conduttore per gravi motivi economici

Nella lite relativa a un contratto d’affitto non abitativo, la sentenza deve tenere in considerazione gli effetti della crisi finanziaria che ha colpito l’azienda locataria. È quanto rimarcato dalla Cassazione con la seguente pronuncia, di cui riportiamo un estratto... Leggi tutto